Spinclub
Pesca sportiva a spinning

Pesca alla spigola con gli artificiali

Pesca alla spigola con gli artificiali

Vorrei raccontarvi questa breve giornata di pesca facendo una premessa: Nello spinning...

Il nodo Albright è finalizzato alla congiunzione di grossi terminali con lenze piuttosto sottili e può essere utilizzato sia con monofili di nylon che con nylon e lenza intrecciata. La sua validità è tale da conservare sempre un carico di rottura compreso fra il novantacinque ed il cento per cento del filo più debole impiegato.

 

  • nodoSi inizia raddoppiando il filo di spessore maggiore per almeno dieci centimetri, poi lo si affianca all'altro a circa venti centimetri dall'estremità facendo si che il filo fine venga a trovarsi in mezzo ai due grandi.
  • Tenendo i tre fili in posizione si prende il capo libero del filo sottile e lo si avvolge, con delle spire a scendere, attorno ai tre fili affiancati. Man mano che si scende si tengono ferme le spire in modo che rimangano parallele. Si costruiscono così da un minimo di dodici ad un massimo di venti avvolgimenti.
  • Al termine degli avvolgimenti si prende il capo libero e lo si fa passare all'interno dell'asola formata dal filo più grande, portandolo ad affiancarsi al rispettivo corpo di lenza.
  • Dopo aver lubrificato mantenendo le spire in posizione, queste si fanno scorrere fino a circa tre millimetri dalla fine dell'asola. Si tira allora il capo libero della lenza sottile cominciando a far stringere le spire in prossimità dell'asola in modo che non la superino. Si passa a tirare il corpo della lenza sottile facendo scendere anche le spire alte. Si prosegue tirando alternativamente il capo libero ed il corpo di lenza fino a che tutte le spire non si sono ben strette. Si conclude tagliando i due capi liberi molto vicino al nodo.
Italian English French German Japanese Maltese Spanish
dscn0238x.jpg

Login

Visitano il sito

Abbiamo 112 visitatori e nessun utente online