Spinclub
Pesca sportiva a spinning

ftCyprinus carpio, è il nome scientifico della carpa, originaria dell’Asia minore e della Cina, fu introdotta in Europa in tempi remotissimi tanto che oggi è considerato un pesce autoctono. Di scarso valore alimentare anche se cucinata a dovere, è molto apprezzata tanto da essere considerata il piatto forte di alcuni ristoranti situati nei pressi di laghi dove essa vive. Il suo areale è costituito dai fiumi di fondo valle e laghi, dove predilige i tratti caratterizzati da scarsa corrente e presenza di ostacoli, anche gli sbalzi di fondale (gradini) sono luoghi ove il suo incontro non è affatto causale. La Carpa è un pesce onnivoro ed è considerata non a torto il “maiale d’acqua dolce” infatti passa quasi tutto il tempo alla ricerca di cibo (alghe, vermi, chiocciole, cozze, gamberi, granchi, insetti, pesci feriti o morti), infatti anche il suo“fisico” risente fortemente di questa propensione spiccata all’abbuffata. Esistono tuttavia alcune specie di carpa come le “regine di fiume” dotate di una siluette slanciata che conferisce loro forza e velocità; altre specie sono le carpe a specchi dotate di grosse e poche squame distribuite su parti del corpo,le carpe cuoio o nude dotate di una fila di squame situata all’apice del dorso,le fully scaled mirror che hanno grosse squame distribuite in ordine sparso e quasi a scalare di grandezza man mano che si avvicinano alla coda e le carpe linear riconoscibili per la linea di squame che le copre il fianco. La pesca alla carpa è una tradizione che si tramanda da secoli ed è sempre stata una pesca d’attesa e apparentemente poco dinamica,infatti diventa molto dinamica allorquando il pesce abbocca e prende metri e metri di filo nel tentativo di infilarsi tra gli ostacoli sommersi,caratteristica questa che in più di un’occasione gli fa guadagnare la libertà. La maturità sessuale è raggiunta a 2-4 anni d'età. I maschi solitamente maturano un anno prima delle femmine. La riproduzione avviene da metà maggio a tutto giugno e può protrarsi anche nel mese di luglio, a seconda delle località. Quando la temperatura dell'acqua raggiunge i 19-20 °C durante il giorno e di notte non scende sotto i 14-15 °C, i maschi e le femmine si portano in prossimità delle rive, in acque poco profonde, e provvedono alla deposizione delle uova che vengono attaccate ai tappeti di vegetazione sommersa od alla base delle canne palustri, di preferenza non lontane dalla superficie. Gli amori delle carpe sono molto rumorosi. I maschi, molto eccitati, al momento della frega si abbandonano alle evoluzioni più violente, fanno delle furibonde corse nelle più varie posizioni e salti fuori dall'acqua. Le femmine, più pesanti e meno svelte dei maschi, cercano il luogo più adatto per deporre le uova; quando il luogo è stato scelto, rimanendo immobili fanno scendere lentamente e delicatamente le uova sopra le foglie acquatiche. E' frequente che due o tre maschi s'interessino ad una sola femmina; Appena le uova sono deposte, uno dei pretendenti vi si slancia sopra e subito le feconda. La quantità delle uova che la femmina depone, si può considerare intorno a 100.000 - 200.000 uova per kg di peso; le uova misurano circa 1,5 mm di diametro. Per la schiusa sono necessari 18-19 °C, le larve nascono dopo 5-6 giorni. Per circa due giorni rimangono attaccate alla vegetazione acquatica, dopodiché iniziano a condurre vita libera L'accrescimento è rapido; a un anno di età la lunghezza è di 15 cm e il peso di 200 gr. Abbastanza rapidi sono sia lo sviluppo che la crescita; a tre anni di età una carpa è già atta alla riproduzione ed ha già acquistato rispettabili dimensioni, per quanto vi siano sempre tra soggetto e soggetto notevoli differenze dovute all'ambiente in cui il pesce va crescendo. Lasciata a se stessa una carpa di tre anni pesa in media 500 grammi con una lunghezza da 25 a 35 centimetri.
Può raggiungere e superare i 35kg di peso.

Italian English French German Japanese Maltese Spanish
dscn3828.jpg

Login

Visitano il sito

Abbiamo 19 visitatori e nessun utente online